Archivio

Statistiche

Utenti registrati : 9863
Contenuti : 233
Tot. visite contenuti : 261678

Link

legambiente logo

 

snoq logo


Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates
Quello che le donne..., Powered by Joomla!; free resources by SG website hosting
DIVERSI MA UGUALI
2013
Scritto da Elisabetta   
Martedì 29 Ottobre 2013 20:18

omofobia dp

Il suicidio del giovane romano di 21 anni riapre ancora una volta la discussione sulle mancate politiche a favore dei diritti degli omosessuali. La viceministra con delega alle pari opportunità ha dichiarato che tutti dovremmo sentirci responsabili di questa morte. E' vero perchè l'omofobia non è solo violenza fisica o verbale, ma si inserisce in uno scenario culturale fatto di battutine, volgarità, sarcasmo, luoghi comuni che ugualmente denotano un'idea di rifiuto.

L'aggressione violenta nei confronti dei gay è una delle facce dell'intolleranza che ha radici profonde nei pregiudizi che questa società fomenta: dalla Chiesa, alla pubblicità, da alcuni partiti politici, ad associazioni varie. Ciascuno si giustifica con una spiegazione personale: l'omosessualità è una malattia da curare, è un danno per la società, è immorale...

Ma qual è concretamente il problema? Sicuramente la paura di quello che non si può classificare con le categorie mentali che ci sono state date nel corso dei secoli e che ci hanno fatto diventare quelli che siamo: è la paura del nuovo, di ciò che non sta dentro i confini delle nostre piccole menti e che con forza ci spinge a riorganizzare le nostre conoscenze ed il nostro sistema di valori, quasi sempre invano. Vorrei concepire il processo della conoscenza, quindi di crescita culturale, non come  il “raddoppio” di qualcosa di per sé già compiutamente dato, cioè come qualcosa di sostanzialmente passivo, ma al contrario come un processo di costruzione, quindi attivo, in cui l’operare della mente ha un ruolo fondamentale.

Se ogni uomo e donna riuscissero a fare questo intraprendendo una battaglia personale contro i dogmi e i falsi valori che ci sono stati inculcati, forse ci si aprirebbe davvero all'"umanità", di qualunque genere o orientamento sessuale essa sia. Si aprirebbe una nuova stagione: quella in cui ognuno pensa liberamente e può smettere di ritenere che chi non è come me è qualcuno da temere e da ... eliminare.

Inizia la tua battaglia oggi.

 

Più letti del mese

Io cittadino

Resoconto del Consiglio comunale del 25 agosto 2016

Leggi tutto...

Feed