Archivio

Statistiche

Utenti registrati : 10927
Contenuti : 233
Tot. visite contenuti : 304318

Link

legambiente logo

 

snoq logo


Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates
Quello che le donne..., Powered by Joomla!; free resources by SG website hosting
FACCIAMO IL PUNTO
2013
Scritto da Martina   
Giovedì 20 Giugno 2013 16:52

berlusconi

Dopo qualche settimana di silenzio, rieccomi a scrivere di politica nazionale.  

Il governo Letta prosegue il suo mandato tra alti e bassi e Berlusconi minaccia di “staccare la spina” se dovesse arrivare la condanna per il processo Ruby (sentenza attesa per la prossima settimana). Intanto, però, caro Silvio, beccati questa:  la Corte Costituzionale ha respinto proprio ieri la richiesta di legittimo impedimento avanzata dai legali di Berlusconi per il processo Mediaset.

Nel Pdl si torna a parlare di accanimento (terapeutico??) nei confronti del leader e i militanti più fedeli hanno addirittura fondato l' Esercito di Silvio, con l'obiettivo di difendere Berlusconi dagli attacchi della magistratura ( e noi che credevamo di aver toccato il fondo con “menomale che Silvio c'è”!).
Da sinistra attaccano: senza Berlusconi la destra è smarrita. E intanto il Pd vince tutti i ballottaggi alle amministrative, i vertici del partito preparano il congresso e corteggiano Renzi, che commenta: “se mi fregate di nuovo, resto a fare il sindaco”, alludendo così alle scorse primarie, quando perse, secondo lui, perchè la dirigenza del partito inasprì le regole di partecipazione.
I partiti di opposizione, invece, lamentano immobilismo all'interno del Governo e accusano Letta di essere “coraggioso come il pesciolino Nemo” (Luca Telese).
Ecco, a questo proposito vorrei spendere due parole.
Penso di parlare a nome di tutti gli elettori di centro-sinistra quando dico che questo governo di larghe intese non lo voleva proprio nessuno. Perfino lo stesso Letta, se avesse potuto scegliere, avrebbe senza dubbio preferito guidare un governo di sinistra, grazie al quale avrebbe finalmente potuto varare le riforme che il Paese aspetta.
Purtroppo, le circostanze (e soprattutto, il risultato elettorale!) non hanno reso possibile il realizzarsi di tali propositi e il Pd si è trovato nella spiacevole posizione di avere la responsabilità di governare, senza però avere i numeri per farlo. Tutto, in uno dei periodi più difficili, dal punto di vista economico, che l'Italia abbia mai conosciuto.
Ora, il nostro Paese è stato governato per anni da Berlusconi & company, i quali hanno gettato via interi mandati senza far nulla, o peggio, facendo dei veri e propri danni all'economia dello Stato.
E, alla luce di ciò, le opposizioni si scagliano contro Letta che non ha la maggioranza assoluta, non ha l'appoggio incondizionato neanche del suo stesso partito e, soprattutto, si è insediato da due mesi scarsi?? Scusate, ma questo mi sembra proprio un puntiglio “alla Grillo”.
Già, Grillo. Ci sarebbe da scrivere un articolo solo su di lui, per quante ne ha combinate nell'ultima settimana. Dal suo blog, l' ok all'espulsione della Gambaro, rea di aver leso l'immagine di Grillo stesso. La rete è già pronta ad esprimersi anche sull'allontanamento della Pinna, colpevole di aver difeso la collega asserendo che “in fondo, la Gambaro non aveva detto nulla di male”.
Con loro due, sale il numero degli espulsi dal movimento. Contarli sarebbe impossibile, cito solo i casi più famosi:
Antonio Venturino, espulso il mese scorso perchè aveva “manifestato una preoccupante apertura ideologica verso il Pd”;
Tavolazzi, il primo ad essere stato sbattuto fuori, con l'accusa di aver utilizzato lo stemma del movimento senza averne il diritto;
Giovanni Favia, espulso nel dicembre scorso dopo aver dichiarato, in un fuori onda di La7, che all'interno del movimento c'erano problemi di democrazia.
La Salsi, cacciata nello stesso giorno di Favia, per aver partecipato a Ballarò;
Raffaella Pirini, allontanata perchè critica nei confronti di Grillo e Casaleggio;
Marino Mastrangeli, reo di aver partecipato a diverse trasmissioni televisive, nonostante il veto espresso da Grillo;
Roberta Agnoletto, già citata in un mio precedente articolo, cacciata dalla giunta comunale di Mira, nella quale ricopriva il ruolo di Assessore, perchè poco presente a causa della sua gravidanza.
Per dirla con Renzi: almeno al Grande Fratello ci sono le nomination! Ai grillini, invece, tocca tenere la bocca chiusa, la testa bassa e annuire... contenti loro! E pensare che credono di essere un esempio di libertà e democrazia per il Paese!


 

Commenti  

 
+1 #10 marge 2013-06-26 08:14
http://www.giornalettismo.com/wp-content/uploads/2013/05/vignetta-ellekappa-beppe-grillo.jpg

e non c'è altro da aggiungere! :o
 
 
+2 #9 Martina Spaventa 2013-06-23 15:43
Su Legnini avevo fatto la stessa riflessione!
 
 
+3 #8 gabriella 2013-06-22 18:50
Sicuramente anche Bersani ha fatto i suoi errori ma di una cosa sono sicura, Carlo, lui non avrebbe mai fatto inciuci con Berlusconi and company. Ha cercato accordi con il M5Stelle perchè lo sentiva più vicino alla sinistra. Ha fallito ed è uscito di scena!
 
 
+3 #7 Carlo T. 2013-06-22 15:36
Gabriella, io rimango convinto che Bersani abbia le sue colpe. Senza dubbio il pd è ancora un partito di personaggi in lotta ma questa doveva essere una vittoria a mani basse! Grillo con un movimento che non esisteva ha preso oltre il 25 %, da solo, senza che nessuno conoscesse chi stava mandando in parlamento, ha conquistato le piazze che una volta erano di Sinistra, è andato tra le persone! Legnini a Villa vi ha incontrati in un ristorante, e faceva così in ogni paese! E così ogni altro leader locale in giro per l'Italia! Un partito che parlava solo a se stesso!
Su Berlusconi, io credo davvero rischi molto, anche perché non è quello di un tempo, prima era tra il 45-50% la sua coalizione, ora con il massimo sforzo possibile non è arrivato al 30%, e guardate che per un leader che o si ama o si odia, non esistono emorragie! Ha perso potere, ed è esposto su molti fronti, è vecchio, c'è Renzi che minaccia il suo elettorato, io credo che presto uscirà di scena! Ha dovuto promettere di ridare l'IMU, ha mandato i suoi leader del sud a combattere battaglie che a noi farebbero mettere le mani ai capelli tra condoni e controcondoni, ha lasciato a casa Dell'Utri e Cosentino con le loro infinite reti di potere pur di dare una parvenza differente in queste elezioni, si è giocato molte delle sue carte per restare a galla e affrontare questi processi in una posizione di potere, significa che sa di rischiare! Quanto può durare ancora?
 
 
+2 #6 Elisabetta 2013-06-22 07:15
Mi sono chiesta cosa ci fosse dietro l'apparente "responsabilità" di Berlusconi nei confronti del governo. Non so se avete seguito Otto e mezzo di due giorni fa. La tesi portata avanti dai conduttori e supportata da dati e analisi economiche è che l'unico motivo per cui Berlusconi continua a fare il "buonista" nei confronti del governo è perche il mercato risponde bene al suo impegno politico, tant'è che le azioni delle società a lui collegate (direttamente o "indirettamente") dall'anno scorso valgono il doppio, cioè da quando ha ricominciato a farsi vedere e intervistare. Le cose ora sono un po' più chiare. Lascio il link per vedere la replica della trasmissione del 20 us.

http://www.la7.tv/programmi/ottoemezzo/index.html
 
 
+2 #5 gabriella 2013-06-22 05:51
Sulla condanna di Berlusconi,ahimè, nutro forti dubbi (alla fine ricade sempre in piedi!) e, cosa ben più grave, gran parte del suo elettorato gli rimarebbe comunque nei secoli fedele!
Su Grillo non ho mai avuto dubbi: comico era e comico è rimasto, anche se si è illuso di avere un carisma tale da giustificare le sue bizze e, soprattutto, la sua smania di protagonismo. Il Movimento -Setta perde pezzi giorno per giorno perché non ha mai avuto basi solide su cui poggiare. Peccato perché per i capricci di un leader, o presunto tale, si è persa l’occasione che avrebbe potuto dare inizio al cambiamento. Mi dispiace per Bersani che ci aveva creduto e provato con tutte le sue forze anche quando, all’interno del suo stesso partito, molti gli remavano contro!
 
 
+1 #4 Carlo T. 2013-06-21 18:06
Guarda, mi sbilancio: io credo che politicamente sia ormai al tramonto, che abbia giocato negli ultimi tempi tutte le sue carte, ed in un modo o nell'altro debba uscire di scena.
 
 
+1 #3 Martina Spaventa 2013-06-21 17:53
Desumo tu sia certo che verrà condannato... Io non sono così fiduciosa!
 
 
+2 #2 Carlo T. 2013-06-21 13:04
Ciao Martina! :D
A dire la verità, qualcosa in più me l'aspettavo! Dei partiti che vedono un voto d'opinione premiare così tanto Grillo dovrebbero ambire a percentuali di consenso impensabili prima e non a tornare entro il recinto da cui rimane fuori quasi il 50% dell'elettorato attivo! Bastava a mio modo di vedere iniziare a fare qualcosa, e ricordo che Monti con il suo governo dopo venti giorni già faceva approvare i primi ddl importanti! Un'occasione persa per pd e pdl per ritrovare legittimità, sono fortunati che il movimento 5 stelle non si regge in piedi. Che occasione persa anche per Grillo, ha potuto gridare all'inciucio e ora gli si sgretola sotto i piedi tutto ciò che era riuscito a costruire, proprio nel momento in cui potevano trasformarsi in forza politica seria, con tutto il tempo e le possibilità che fare l'opposizione offre.
Comunque è una situazione in continua evoluzione, qualcosa mi fa pensare che la condanna che arriverà per Berlusconi aprirà nuovi scenari!
 
 
+3 #1 Elisabetta 2013-06-20 17:04
Già, è proprio quello che succede nei partiti/movimenti "personali": tutto è incentrato su un'unica persona, il leader,e guai a criticarlo. Ricordiamo tutti che fine ha fatto fare Berlusconi a Fini, Bocchino, Della Vedova, ecc.
 

Registrati per inviare un commento

Più letti del mese

Io cittadino

Resoconto del Consiglio comunale del 25 agosto 2016

Leggi tutto...