Archivio

Statistiche

Utenti registrati : 9863
Contenuti : 233
Tot. visite contenuti : 261683

Link

legambiente logo

 

snoq logo


Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates
Quello che le donne..., Powered by Joomla!; free resources by SG website hosting
RITA LEVI MONTALCINI: UNA VITA PER LA SCIENZA
2012
Scritto da Martina   
Lunedì 31 Dicembre 2012 19:11

ritalm

Ieri abbiamo perso un' altra eccellenza. All'età di centotrè anni è scomparsa la scienziata Rita Levi Montalcini, lasciando un incolmabile vuoto nell'ambiente intellettuale e scientifco del nostro Paese.

Nata a Torino il 22 aprile 1909, negli anni cinquanta le sue ricerche la portano alla scoperta e all'identificazione del fattore di accrescimento della fibra nervosa o NGF, scoperta per la quale è stata insignita nel 1986 del premio Nobel per la medicina.

"Le donne che hanno cambiato il Mondo, non hanno mai avuto bisogno di mostrare nulla, se non la loro intelligenza", è la sua citazione che preferisco. Ed è questo aspetto che vorrei ricordare della Montalcini, il suo essere una donna di scienza, ma soprattutto una grande donna.

La prima donna a essere ammessa alla Pontificia Accademia delle Scienze, svolse ruoli di primo piano nella lotta per la regolamentazione dell'aborto, e per la legalizzazione delle droghe leggere, ai fini di sottrarre i giovani al mercato illegale.

Istituì in memoria del padre, con la sorella gemella Paola, la Fondazione Rita Levi-Montalcini, rivolta alla formazione dei giovani, nonché al conferimento di borse di studio universitarie a giovani studentesse africane (progetto "Un convitto per le ragazze Tuareg"), con l'obiettivo di creare una classe di giovani donne che svolgessero un ruolo da leader nella vita scientifica e sociale del proprio paese.

Nel 2001, durante il governo Prodi, le venne conferito il titolo di Senatrice a vita, "per aver illustrato la Patria con altissimi meriti nel campo scientifico e sociale". Nonostante ciò, rifiutò l'incarico di Presidente del Senato che le sarebbe spettato  per anzianità, e dichiarò pubblicamente che avrebbe votato per Franco Marini.

Rita Levi Montalcini ha sempre affermato di sentirsi una donna libera: "L'umanità è fatta di uomini e donne e deve essere rappresentata da entrambi i sessi" disse, ribadendo la parità di capacità mentali tra uomo e  donna, in un epoca in cui dominava la figura maschile, soprattutto nel campo scientifico.

Giorgio Napolitano l'ha omaggiata con l'epiteto “luminosa figura della storia della scienza”... Non possiamo che mostrarci d'accordo.

 

Più letti del mese

Io cittadino

Resoconto del Consiglio comunale del 25 agosto 2016

Leggi tutto...

Feed