Archivio

Statistiche

Utenti registrati : 9863
Contenuti : 233
Tot. visite contenuti : 261686

Link

legambiente logo

 

snoq logo


Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates
Quello che le donne..., Powered by Joomla!; free resources by SG website hosting
GIORNATA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE
2012
Scritto da Elisabetta   
Domenica 25 Novembre 2012 12:32

violenza contro donne

Oggi in tutto il mondo celebriamo la giornata contro la violenza sulle donne, inaugurata nel 1999. La data fu scelta dall’ONU perché nello stesso giorno, nel 1981, alcune femministe organizzarono un incontro a Bogotà per riflettere sulla condizione delle donne e per ricordare l’omicidio avvenuto il  25 novembre 1960 di tre sorelle, donne rivoluzionarie che lottavano contro il regime di Trujillo. 

Quel giorno le sorelle Mirabal, mentre si recavano a far visita ai loro mariti in prigione, furono bloccate sulla strada da agenti del Servizio di informazione militare. Furono portate con la forza in un luogo appartato nelle vicinanze, furono torturate, massacrate di botte e strangolate ed infine gettate in un precipizio a bordo della loro auto, per simulare un incidente.

I dati rilasciati dalle agenzie internazionali parlano di una donna uccisa nel mondo ogni 60 minuti e l’Italia, purtroppo, non fa eccezione. Nel 2011 sono state 127 le donne uccise nel nostro paese, circa una ogni 60 ore, mentre nei primi nove mesi di quest’anno sono già più di 100, e di queste 74 sono rimaste vittima della violenza di mariti e fidanzati. In Italia infatti la prima causa di morte delle donne tra i 16 e i 44 anni è la violenza domestica e, secondo le anticipazioni dei dati 2012 di Telefono Rosa, le violenze all’interno di rapporti sentimentali sono in ulteriore aumento: questo tipo di abusi ha raggiunto l’85% di tutte le violenze, il 3% in più del 2011.

Secondo l'Istat in Italia almeno il 5% delle donne è stata vittima di stupri o tentati stupri e una italiana su tre, tra i 16 e i 70 anni (più di sei milioni di donne), è stata vittima nella sua vita dell'aggressività di un uomo, di molestie fisiche o sessuali. Quasi 700 mila donne inoltre, sempre dati Istat, hanno subito violenze ripetute dal partner e avevano figli al momento della violenza, e nel 62,4% dei casi i figli hanno assistito a uno o più episodi di violenza.

Dati allarmanti anche quelli relativi al fenomeno dello stalking, in costante aumento negli ultimi anni: secondo l'Osservatorio nazionale sullo stalking, il 10% circa degli omicidi avvenuti in Italia dal 2002 al 2008 ha avuto come prologo atti di stalking, l'80% delle vittime è di sesso femminile e la durata media delle molestie insistenti è di circa un anno e mezzo.

 

Commenti  

 
+1 #3 Assunta Paquini 2012-12-06 17:44
Vorrei consigliare a tutte le Donne la lettura di questo libro a mio avviso straordinario. "Donne che corrono coi Lupi" di Clarissa Pinkola Estés. E‘ una racconto che esorta ogni donna a ritrovare se stessa dimenticando per un attimo tutte le repressioni che ci hanno "addomesticato".
Tratto dal libro:
Ringrazio, infine, l’odore dello sporco buono, il suono dell’acqua libera, gli spiriti della natura che accorrono sulla strada per vedere chi passa. Tutte le donne che sono vissute prima di me e hanno reso il sentiero un po’ più aperto e un po’ più facile.
 
 
+2 #2 gabriella 2012-11-26 17:20
Gli uomini a cui tu fai riferimento fanno parte di un'Italia piccola e ipocrita. La stessa che ha tollerato il bunga bunga come una normale espressione di potere, che ha sorriso alle battute sessiste di un Grillo, che pur ha fatto del cambiamento una bandiera,
che non disdegna gli artefatti modelli femminili mostrati dai media; per intenderci... quelli che parlano poco e mostrano tanto!
Hai ragione: la strada è ancora lunga e non priva di ostacoli!
 
 
+2 #1 Martina Spaventa 2012-11-25 19:30
I dati riportati nell' articolo fanno rabbrividire. Spesso pensiamo che la violenza sulle donne all' interno delle mura domestiche sia roba del secolo scorso, o che riguardi solo i Paesi islamici. È grave che ci sia un consistente numero di vittime anche in un Paese democratico.
Aggiungo una riflessione: navigando su facebook, oggi, ho notato lo slogan contro la violenza sulle donne campeggiare sulla bacheca di quasi tutte le iscritte al social network, ma (ahimè!) su quella di nessun uomo. La strada è ancora lunga!!
 

Registrati per inviare un commento

Più letti del mese

Io cittadino

Resoconto del Consiglio comunale del 25 agosto 2016

Leggi tutto...